Se è vero quanto dice l’Obama italiano Carlo Conti, Maria De Filippi non riceverà alcun compenso, se non è vero, fa lo stesso. Bravissima. Un bellissimo messaggio per giovani e meno giovani che lavorare gratis, quando non si ha bisogno di soldi e si ha già tutto, è bello.

Fondamentale fare una cosa che piaccia, nella quale ci si crede, perché per lavorare gratis ci vuole “passione” che spesso fa rima con “gratisone” (facile fare un lavoro retribuito senza passione). Brava Maria e brava anche De Filippi che in questo modo eviterai a ricchi avidi (che non han certo bisogno di altri soldi) di lavorare al tuo posto.

Brava Maria. Brava De Filippi. Hai ottenuto un ambitissimo non posto di lavoro. Mitica! Sei una gran professionista, mica come gli sconosciuti totali da social che credono di essere famosi perché hanno 13099 follower e un loro post del 23 dicembre scorso ha avuto 1323 mi piace e 43 condivisioni.

“Lo fa per la visibilità” dice Pietrangolo Frolli, noto influencer ai suoi 4987 amici di facebook, Frolli è anche blogger noto per aver postato su Instagram la foto virale di un vaso da fiori con al suo interno un gatto (di fiori pure quello).

“Anche io lo farei gratis” commenta Andrea Iarrea, impiegato alla Camusso Snc. Peccato non facciano condurre gratis Sanremo a Andrea Iarrea e a tanti altri come lui, fossi in Carlo Conti ci farei un pensierino.

Yes we can! Bau! E ancora brava Maria, Maria salvador, te quiero mi amor (col trattore in tangenziale).

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2017 – i cantanti in gara, gli ospiti, le canzoni e le cover

next
Articolo Successivo

Sanremo 2017, Adinolfi contro gli ospiti gay: “Non voglio pagare il figlio di Tiziano Ferro con i soldi del mio canone”

next