Da “the uaind” a “gentelman” il passo è breve. Sono passati poco più di 2 anni da quando l’allora ministro dell’Interno fu rimbrottato dal Commissario Ue agli Affari Interni Cecilia Malmström per il suo inglese barcollante. Il 10 gennaio, in occasione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a New York, l’attuale ministro degli Esteri, Angelino Alfano, ha debuttato con un intervento di ben 6 minuti, tutto in lingua inglese. E “il perfido albionese” ha messo in difficoltà ancora una volta il politico, il quale, tradendo una certa emozione col suo gesticolare goffamente, nella pronuncia di alcuni termini non si è rivelato così impeccabile. E non è casuale che Blob di Rai Tre abbia cadenzato ieri il monologo alfaniano con la canzone “Prisencolinensinainciusol” di Adriano Celentano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, Salvini: ‘Se andrò al governo, li scaricherò sulle spiagge con noccioline’

prev
Articolo Successivo

M5s Europa, dopo i due addii continuano i maldipancia a Bruxelles: “Rivedere rapporti con Grillo e la comunicazione”

next