Esteban Santiago, il reduce dell’Iraq che venerdì scorso ha aperto il fuoco all’impazzata nell’aeroporto di Fort Lauderdale, in Florida, uccidendo 5 persone e ferendone altre sei aveva pianificato il suo attacco. Lo avrebbe detto agli investigatori lo stesso 26enne di origine portoricana, che è stato accusato dalle autorità federali di omicidio, violenza in aeroporto e altri crimini, accuse che permetteranno ai procuratori di chiedere la pena di morte.

Secondo quanto rivelato dal giornale Sun Sentinel, nei documenti processuali si afferma che l’ex militare ha sparato con la sua pistola semiautomatica, che aveva messo in una valigia imbarcata in Alaska e poi ritirata una volta atterrato in Florida, in modo “metodico” e mirato. “Sparava puntando alla testa delle vittime”, si legge nei documenti.

Anche il portavoce dell’Fbi, George Piro, ha confermato che si ritiene che l’uomo sia partito per la Florida con l’intenzione di compiere l’attacco anche se al momento non è ancora chiaro quale possa essere stato il movente. La pista terroristica non viene ancora completamente esclusa.

Santiago – che era ritornato dall’Iraq con gravi problemi mentali, come denuncia la famiglia – aveva mantenuto il porto d’armi nonostante lo scorso novembre fosse stato interrogato da un agente dell’Fbi in Alaksa dopo che aveva detto ai suoi superiori di essere controllato dall’intelligence americana. Il fratello ha dichiarato che il reduce era stato ammesso in un ospedale psichiatrico solo per qualche giorno e poi non aveva ricevuto altre cure.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Attentato Gerusalemme, il momento in cui il camion travolge la folla alla fermata del bus

prev
Articolo Successivo

Messico, spara in diretta al funzionario Usa. Il Consolato: “20mila dollari per informazioni”

next