“La dico come l’ho sempre pensata: favorisce l’accattonaggio, mandare la gente ad elemosinare per la strada è proprio brutta come immagine”: queste le parole di Dora Palumbo, consigliera comunale grillina, a proposito di Piazza Grande. La diffusione dello storico giornale di strada fondato dalle persone senza dimora di Bologna finisce così nel mirino del M5S.

A difendere l’associazione e i diffusori del giornale è l’assessore al Welfare di Palazzo D’Accursio, Luca Rizzo Nervo: “Sento raramente dire la stessa cosa a fronte del fatto che anche importanti quotidiani cittadini svolgono lo stesso servizio di vendita a tutti i semafori. Non entro nel merito di una cosa che è diversa, ma sinceramente non riesco a condividere” la posizione di Palumbo. Secondo l’assessore quella di Piazza Grande “non è una modalità che favorisce l’accattonaggio ma anzi lo contrasta“.

Ampliando il ragionamento, Rizzo Nervo sottolinea poi che Piazza Grande è anche una delle cooperative che in città fanno parte di quel “sistema integrato che vede pubblico e privato collaborare nella gestione dei servizi sociali, che in questa regione esiste da 25 anni” e che sul piano del welfare nazionale “ha dato e continua a dare buona prova di sé“. Guardando da vicino questa realtà, dice ancora l’assessore,”scopriremmo una platea di ottimi professionisti che fanno quotidianamente innovazione sociale e stimolano la coprogettazione per fare di più e meglio”. Un’esperienza che “ha tenuto Bologna lontanissima da casi cronaca che hanno caratterizzato il rapporto tra accoglienza e cooperazione sociale in altre zone del Paese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cari grillini, ho tutto il diritto di criticarvi

prev
Articolo Successivo

Arresto Marra, Saviano: “La Raggi deve dimettersi. Di Battista tace, ma è responsabile come lei”

next