Polemiche a Roma per la consulenza ad Alessandra Manzin, ex collaboratrice del senatore a vita Claudio Abbado e attuale collaboratrice (da maggio 2014) del grillino a Palazzo Madama Andrea Cioffi. Classe 1985 e laureata nel 2010 in Scienze dell’amministrazione all’università di Bologna, è stata assunta nello staff dell’assessora in Campidoglio Linda Meleo con un contratto part-time da circa 8mila euro lordi all’anno. All’attacco i democratici: “Una mancetta”, ha detto il consigliere Pd Marco Palumbo, “evidentemente non si nega a nessuno soprattutto se trattasi di persona legata o congiunta ai collaboratori dei capi”. Manzin è finita sotto accusa infatti perché, tra le altre cose, ha avuto una relazione, terminata da un anno, con il membro dello staff comunicazione M5s al Senato Dario Adamo.

Manzin ha replicato specificando di aver lavorato come consulente per varie amministrazioni pubbliche: “Dopo la laurea ho collaborato presso una società di Bologna”, ha scritto in una nota, “che si occupa di consulenze presso la Pubblica amministrazione, maturando competenze specifiche nel settore. Ho inoltre collaborato con il Formez PA, collaborando, per conto dello stesso, con alcune amministrazioni partner di progetto tra cui la Provincia di Ferrara”. In merito al suo lavoro in Parlamento Manzin ha specificato: “Il mio rapporto lavorativo presso il Senato della Repubblica è iniziato già nel settembre 2013 con la collaborazione con il senatore a vita Maestro Claudio Abbado. E da ultimo preciso che da oltre un anno non ho alcun legame sentimentale con Dario Adamo“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Province affossate dalla riforma Delrio e salvate dal No al referendum: a rischio 100mila km di strade e 5mila scuole

prev
Articolo Successivo

Mediaset-Vivendi, M5S diviso. Toninelli: “Governo intervenga”. Di Battista: “Perché l’esecutivo è intervenuto così presto?”

next