E’ solito a parlare direttamente e meno direttamente di culi e deretani, difese il collega Barani che fece il famoso gesto alle senatrici M5s, lui stesso si indicò ld'anna 240e parti intime. Ora il senatore Vincenzo D’Anna, colonna tra i verdiniani di Ala, usa il gioco di parole. La riprova che i 18 senatori dell’Alleanza liberal-popolare per le autonomie, che oggi si sono rifiutati di dare la fiducia al governo Gentiloni dopo essere stati esclusi dal governo, non hanno perso il consueto buonumore. E restano all’opposizione anche se dal governo sono stati offerti, raccontano posti di sottogoverno o “sottobosco”, come si dice.

Racconta l’agenzia Dire, infatti, che al termine di una lunga riunione nella sede di via Poli, nella quale era stato confermato il Senato. Voto sul Decreto Legge Anticorruzioneno all’esecutivo, D’Anna si lascia andare a una battuta: “Una giornalista mi ha chiesto, sbagliando: ‘Allora niente sottoboschi?‘. E io ho risposto: ‘No, niente ‘sottobosco’. ‘Sotto-boschi‘ avremmo ceduto“, dice, con un gioco di parole sul cognome dell’ex ministro delle Riforme Maria Elena Boschi. Il collega Ciro Falanga lo riprende, bonariamente: “Non dire così, che poi ti chiamano sessista”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, i Forconi aggrediscono Osvaldo Napoli alla Camera: “Arresto in nome del popolo”. Lui: “Delinquenti”

prev
Articolo Successivo

Sindacati: “Muraro ha portato a termine il suo spoil system prima di dimettersi”. E il dg di Ama minaccia di lasciare

next