La presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani si è profondamente commossa fino alle lacrime nell’aula del Consiglio regionale durante la replica agli interventi dei capigruppo sulla manovra di bilancio regionale. “Ci sono momenti in cui faccio fatica anch’io – ha detto Serracchiani dopo aver ricordato gli attacchi “tutti personali” – ma non si può dire che io non abbia dedicato a questa Regione tutta me stessa perché per questa Regione ho rinunciato a tutte le cose più care che avevo”.

“Verrà un tempo in cui tutte le valutazioni saranno prese dalla comunità politica cui appartengo – ha detto Serracchiani, riferendosi al suo futuro politico -. Dico che le cose fatte sono state tante, ma permettetemi una considerazione amara”. A questo punto Serracchiani ha interrotto il suo discorso per una ventina di secondi. Ha bevuto un pò d’acqua, ha estratto un fazzoletto e ha ripreso a parlare con la voce rotta dalla commozione senza trattenere qualche lacrima. “Non se è perché sono donna o perché non sono nata qui – ha detto – ma credo di aver sopportato più di qualsiasi altra persona in questa sede attacchi che sono stati tutti personali. Ci sono momenti in cui faccio fatica anch’io, ma non si può dire che io non abbia dedicato a questa Regione tutta ma stessa perché per questa Regione ho rinunciato a tutte le cose più care che avevo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, protesta M5S al Senato: “20 milioni di No ma Renzi non è mai andato via”

next
Articolo Successivo

Governo Gentiloni, fiducia anche al Senato: 169 sì. Il premier: “L’esecutivo non è nato da amore per continuità”

next