Carolina Kostner torna a gareggiare ed è subito vincente. La regina italiana del pattinaggio sul ghiaccio trionfa a Zagabria, nella nona ed ultima tappa delle Isu Challenger Series, fa sua la gara del rientro ufficiale alle competizioni superando la concorrenza e chiudendo prima a quota 196.23 punti.

La Kostner era stata squalificata per un anno e mezzo dalle competizioni ufficiali perché accusata di “complicità” e “omessa denuncia” per aver coperto l’allora fidanzato, il marciatore Alex Schwazer, trovato positivo alla sostanza dopante Epo. La pattinatrice italiana dopo un’assenza di oltre due anni e mezzo ha vinto la gara d’esordio di quella che a tutti gli effetti è la sua “seconda carriera” e che potrebbe portarla ai Giochi invernali di Pyeongchang del 2018 in Corea del Sud.

Dopo il bel corto di ieri – si legge in una nota della Federazione italiana sport ghiaccio – l’atleta si conferma anche nel libero: sulle note di Vivaldi, Carolina incanta il pubblico croato della Dom Sportova firmando un secondo segmento da 126.28 punti (55.40 punti di valutazione tecnica e 70.88 per i components) con cui conquista anche i minimi per le rassegne continentali ed iridate, ma anche il 27° podio consecutivo in carriera. Alle sue spalle due russe: la Tuktamysheva, seconda con 192.03 e la Leonova, terza con 191.39. Da prima dell’estate Kostner viene allenata da Alexei Mishin, il 75enne russo guru del pattinaggio di figura, già allenatore di tanti campioni come il pluri-titolato Evgeni Plushenko. A Zagabria è stata seguita da una collaboratrice di Mishin, Tatiana Prokofieva.

(Foto da Facebook)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gooooooool! Il tiro più bello della Coppa del Brasile? Guardate cosa fa Cezares da sessanta metri

next
Articolo Successivo

Slalom gigante a Sestriere, Sofia Goggia ancora sul podio: seconda dopo Worley

next