Moody’s ha confermato il rating ma ha tagliato da stabile a negativa la prospettiva sul merito di credito di Intesa Sanpaolo, Banca Imi, Fca Bank, Bnl, Credito Emiliano, Cariparma e Cassa Depositi e Prestiti. La decisione è conseguente a quella analoga annunciata a due giorni prima sull’outlook dell’Italia. Lo spiega la stessa Moody’s ricordando come la “prospettiva negativa è legata al cambio di valutazione sul debito pubblico italiano”. In particolare per la Cdp pesa il rating Baa2 con prospettiva negativa sui titoli di Stato italiani e la “forte dipendenza ed il forte sostegno” dal governo stesso. La cesoia di Moody’s ha colpito anche UnipolSai e Unipol oltre che di Allianz Spa, mentre quella su Generali l’outlook di Generali è stato confermato a stabile, grazie alla sua “diversificazione al di fuori dell’Italia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gas e luce, Eni rischia quasi 1 milione di multa per taglio servizio a morosi senza adeguata informativa

prev
Articolo Successivo

Petrolio, Paesi non Opec accettano di ridurre produzione per sostenere i prezzi. “Prima intesa con l’Opec dal 2001”

next