Ha parlato per una ventina di minuti, Matteo Renzi, alla direzione nazionale del Pd. “Noi non abbiamo paura di niente e di nessuno, se altri vogliono votare, subito dopo la sentenza della Corte, lo dicano chiaramente. Il Pd non ha paura della democrazia e dei voti”, ha detto Renzi, che alla fine del suo discorso ha lasciato la sede del Nazareno per recarsi al Quirinale e rassegnare le sue dimissioni da premier

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Direzione Pd, il renziano Nobili distribuisce volantini a chi contesta la minoranza. “E’ semplice sostegno al segretario”

next
Articolo Successivo

Renzi si è dimesso da presidente del Consiglio: aperta la crisi di governo. Da giovedì le consultazioni

next