Polemica al fulmicotone tra la deputata di Forza Italia, Michaela Biancofiore, e la giornalista de Il Corriere della Sera, Maria Teresa Meli. Ospiti de L’Aria che Tira, su La7, assieme a tre giovani contrari alla riforma costituzionale di Renzi, lo scontro verte sul voto referendario e sul premier. “Non tutti i giovani hanno votato No” – afferma Meli- “Io ho un figlio di 18 anni che ha votato Sì, insieme a tanti altri. Ho assistito alle loro assemblee a scuola e, certo, esprimevano questa preoccupazione di non poter votare i senatori. Ed era difficile spiegare: ‘Ma chi se ne frega dei senatori, comunque non vi preoccupate, li votate lo stesso'”. “I giovani qui presenti” – ribatte Biancofiore – “l’hanno letta la Costituzione e hanno capito che Renzi era l’uomo solo al comando che non stava facendo più votare ai cittadini né i deputati, né i senatori. Loro sono il futuro del Paese. Ma lo capite, Cristo, sì o no?”. “Tu vieni dal partito di Berlusconi e critichi l’uomo solo al comando?”- replica la giornalista – “Ma fai ridere, scusami”. “Ogni volta che c’è Maria Teresa Meli, lei tira fuori Berlusconi” – sbotta la parlamentare – “io parlo da cittadina”. “Veramente ieri sera ad Arcore c’eri tu, mica io”, controbatte Meli. “Ero a pranzo” – continua Biancofiore – “E comunque stiamo parlando della Costituzione, la gente ha dato un segnale a voi del fronte del Sì”. “Io non ero del fronte del Sì” – risponde la firma del Corriere – “ma ho votato Sì“. La baruffa viene interrotta dalla conduttrice Myrta Merlino, che lancia la pubblicità, e riprende successivamente sulla figura di Agnese Landini, moglie di Matteo Renzi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Direzione Pd, Emiliano: “Renzi? Si dia una calmata. Elezioni? No, il partito risolva il disastro del governo”

prev
Articolo Successivo

Mentana e M5s: pace fatta “in modo dolcemente paffuto”. Il direttore in collegamento con Giulia Sarti

next