“Chi è disposto a pagare per avere delle notizie?”. Se lo sono chiesti tra i più famosi giornalisti influencer del web all’undicesima edizione della Festa della Rete, il più importante evento che ogni anno raduna giornalisti, blogger e youtuber che in Italia sono i protagonisti della community della rete. “Era meglio fare giornalismo prima della rete”, racconta Emiliano Fittipaldi, evidenziando le difficoltà di dare spazio ad ampi lavori giornalistici nel veloce e spesso superficiale mondo del web. “Il responsabile del sito di un grande quotidiano italiano mi ha raccontato che tiene su l’intero sito con gattini e scemenze”, conferma Luca Sofri, direttore de Il Post. Internet e cultura trash, quindi, eppure “è ancora possibile fare questo lavoro”, è la voce di Peter Gomez, direttore de ilFattoQuotidiano.it. “Non dobbiamo vergognarci del basso: si può parlare di mille cose leggere, in maniera dignitosa”. Anche perché, conferma Anna Masera de La Stampa, “la gente non è disponibile a pagare per essere informata”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Jenni Galloni, la madre rimuova subito la foto del cadavere su Facebook

prev
Articolo Successivo

Macchianera Internet Awards, Il Fatto Quotidiano è la miglior testata giornalistica del 2016

next