“Io non lo denuncio certo, ma non sto sereno, ecco”. Pierluigi Bersani, ospite di una iniziativa della Cgil a Bologna commenta così la provocazione di Beppe Grillo. Il leader del M5s ha scritto sul suo blog di volere denunciare Renzi per un presunto abuso della credulità popolare, riguardo al fac-simile di scheda elettorale per il Senato mostrato proprio da Renzi durante il suo dialogo online coi cittadini. “Se si voleva garantire che il Senato fosse elettivo si poteva scrivere più chiaramente in Costituzione, ma con tutti gli sforzi che abbiamo fatto non siamo riusciti a scriverlo”, dice l’ex segretario Pd a una domanda del FattoTv. “La norma transitoria (della Costituzione riformata, ndr) consente di avere un Senato di nominati, salvo che prima o poi venga fuori una legge per eleggerlo. Ma – spiega Bersani – se non si vuole farla si può andare avanti anche 20 anni e quando ti rifiuti di scriverlo chiaramente, forse vien l’idea che non la vuoi fare. Poi vieni fuori una scheda due giorni prima… io non lo denuncio certo, ma non sto sereno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Promemoria Referendum, Marco Travaglio e le dieci pillole per non sbagliare (prima parte)

next
Articolo Successivo

Referendum costituzionale, qual è il fine reale del feroce attacco alla Carta

next