“Il fronte del No va misurato sulla difesa dell’interesse nazionale e dei cittadini; invece voltano Sì i voltagabbana e i trasformisti, perché questa riforma gli consente di fare quello che gli pare”. Lo ha detto Giorgia Meloni al Tour della Sovranità, organizzato da Fdi. “Vota Sì – ha proseguito – Sergio Marchionne, perché è una riforma di fronte alla quale il grande capitale che chiude le imprese in Italia e delocalizza viene tutelato; vota Sì Giorgio Napolitano, in Parlamento dal 1953 perché la riforma non tocca la vera casta; votano sì JP Morgan, Goldman Sachs, le agenzie di rating, le consorterie europee e da oggi anche Juncker. Dove stanno questi non possono stare gli interessi degli italiani”, ha concluso Meloni

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, la Costituzione è Nostra. Proseguono le adesioni: Dado, la Sora Cesira, Gianna Fratta e Claudio Gioè

next
Articolo Successivo

Riforme, Renzi: “L’alternativa è fra il sì e il mai”. Poi lancia il “kit anti-bufale”

next