“Il fronte del No va misurato sulla difesa dell’interesse nazionale e dei cittadini; invece voltano Sì i voltagabbana e i trasformisti, perché questa riforma gli consente di fare quello che gli pare”. Lo ha detto Giorgia Meloni al Tour della Sovranità, organizzato da Fdi. “Vota Sì – ha proseguito – Sergio Marchionne, perché è una riforma di fronte alla quale il grande capitale che chiude le imprese in Italia e delocalizza viene tutelato; vota Sì Giorgio Napolitano, in Parlamento dal 1953 perché la riforma non tocca la vera casta; votano sì JP Morgan, Goldman Sachs, le agenzie di rating, le consorterie europee e da oggi anche Juncker. Dove stanno questi non possono stare gli interessi degli italiani”, ha concluso Meloni

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Referendum, la Costituzione è Nostra. Proseguono le adesioni: Dado, la Sora Cesira, Gianna Fratta e Claudio Gioè

next
Articolo Successivo

Riforme, Renzi: “L’alternativa è fra il sì e il mai”. Poi lancia il “kit anti-bufale”

next