Fidel Castro è morto a Cuba all’età di 90 anni. Ecco le date più significative della vita del leader cubano.
– 13 agosto 1926: nasce a Biran, figlio del proprietario terriero galiziano Angel Castro e della contadina cubana Lina Ruz;
1948: si sposa con Mirta Diaz-Balart, dalla quale ha il primo figlio ‘Fidelitò. Divorzia nel 1954;
1953: il 26 luglio guida l’attacco alla Caserma della Moncada. Arrestato, viene condannato a 15 anni di prigione. Amnistiato dopo 22 mesi va in esilio prima negli Usa e poi in Messico, dove conosce Ernesto ‘Chè Guevara;
1956: il 2 dicembre sbarca a Cuba con il Che e il fratello Raul a bordo del ‘Granmà. Sbaragliato dalle truppe di Fulgencio Batista, si rifugia assieme ad un pugno di sopravvissuti nella Sierra Maestra;
1959: l’8 gennaio, 7 giorni dopo la fuga di Batista, entra trionfalmente a L’Avana. Il 16 febbraio assume l’incarico di primo ministro e capo delle forze armate. Quindi si sposa con Dalia Soto del Valle, dalla quale ha altri 5 figli;
1960: Cuba e Urss riprendono le relazioni diplomatiche e la collaborazione economico-militare. Cuba nazionalizza le raffinerie di proprietà statunitense, dopo il rifiuto di disporre del petrolio sovietico. Washington vieta le esportazioni verso Cuba, eccetto cibo e medicine;
1961: a gennaio gli Usa ritirano l’ambasciatore da L’Avana. Il 16 aprile Castro definisce ‘socialistà la Rivoluzione. Tre giorni dopo sbaraglia lo sbarco nella Baia dei Porci di esiliati cubani appoggiati dalla Cia;
1962: crisi dei missili tra Usa e Urss;
1965: il 3 ottobre crea il Partito comunista di Cuba e legge la lettera di commiato dal Paese del Che Guevara;
1968: Castro nazionalizza gli stabilimenti privati;
1980: lasciano l’isola 125.000 cubani;
1991: la caduta dell’Unione Sovietica devasta l’economia cubana;
1992: il Congresso Usa inasprisce l’embargo;
1994: Castro dichiara che non fermerà i cubani che vogliono lasciare l’isola. In 40mila fuggono negli Usa;
1998: visita di Giovanni Paolo II che condanna l’embargo;
2000: Castro, all’Onu per vertice del Millennio, saluta Bill Clinton. E’ il primo incontro con un presidente americano in 40 anni;
2003: 75 dissidenti cubani vengono condannati a lunghe pene per attentato contro lo Stato;
2006: Castro annuncia di aver subito un intervento chirurgico e delega i poteri al fratello Raul;
2008: Fidel si dimette da presidente;
2010: uscita pubblica di Castro dopo anni in cui si sono succeduti dubbi sul suo stato di salute;
2011: il 19 aprile Raul Castro viene eletto primo segretario del Partito Comunista di Cuba;
2016: Castro pronuncia un discorso di commiato al settimo congresso del Partito Comunista. “Presto sarò come tutti gli altri. Il tempo arriverà per tutti noi, ma gli ideali del comunismo cubano resteranno”.
– 25 novembre 2016 – Fidel Castro muore a 90 anni

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Addio al re della birra Corona, villaggio spagnolo eredita 198 milioni di dollari

next
Articolo Successivo

Fidel Casto morto, l’annuncio ufficiale del fratello presidente Raul: “Hasta la victoria siempre” (video)

next