A una settimana dal voto Matteo Renzi è praticamente inavvicinabile. La battaglia referendaria all’ultimo voto gli impone di evitare qualunque domanda imprevista. Per questo microfoni e telecamere devono essere tenuti a distanza di sicurezza. Oggi, a Milano, erano 30 metri. Dietro le transenne e sotto la pioggia, telecamere e obiettivi. Insomma, niente di nuovo.

“La transenna ormai l’abbiamo interiorizzata”, conferma un collega. E allora, tanto per fare, documentiamo questo teatrino e vediamo cosa accade se ci spingiamo oltre la transenna con la telecamera accesa. Accade che la transenna diventa umana: “Faccia la cortesia…”. E noi, come consiglia la Maria Elena Boschi ai promotori del Sì, abbiamo deciso di essere “educatamente molesti”, nulla più. Praticamente inutili. All’interno di palazzo Lombardia non piove. Per il resto tutto come sopra. “Presidente, una battuta…”. Risposta del presidente: “Piove governo ladro”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Beatrice Di Maio, e se la cyber-propaganda fosse a Palazzo Chigi?

prev
Articolo Successivo

Davide Casaleggio spiega Rousseau a una platea di giornalisti. “E per connettere gli eletti sta per nascere ‘Sharing'”

next