Stacco in verticale, torsione, colpo di testa, palla all’angolino destro e Dida battuto. È il gol più importante della carriera di Steven Gerrard, quello che diede il là alla storica rimonta del Liverpool da 0-3 a 3-3 in sei minuti, nella finale di Champions League contro il Milan a Istanbul, vinta poi ai calci di rigore. Oggi, a 36 anni, Gerrard dice basta. Termina così la carriera di uno dei migliori centrocampisti nel nuovo millennio, un pezzo di storia e un simbolo del calcio inglese, un autentico interprete della filosofia di gioco d’Oltremanica. Con Gerrard se ne va anche una delle ultime bandiere del calcio moderno: lui che aveva conquistato i tifosi di tutto il mondo pur rimanendo sempre legato al suo Liverpool, riuscendo appunto a portarlo sul tetto d’Europa nella stagione 2004/2005. Tiro, corsa, visione di gioco e senso del gol: l’ex capitano dei Reds e della nazionale inglese ha interpretato ruoli e moduli diversi, rimanendo sempre al vertice. Una carriera chiusa con gli ultimi due anni negli Stati Uniti, ai Los Angeles Galaxy, e con due grandi rimpianti: non aver mai conquistato la Premier League e non aver mai vinto nulla con la sua Inghilterra.

“Sono grato per ogni momento della mia carriera a Liverpool, con l’Inghilterra e nei Los Angeles Galaxy – ha detto Gerrard in un comunicato – Mi sento fortunato ad aver vissuto così tanti momenti meravigliosi. Sono orgoglioso di aver giocato oltre 700 gare per il Liverpool, molte delle quali come capitano, e di aver fatto la mia parte per aiutare il club a ottenere grandi vittorie, come quella della famosa notte a Istanbul“. “A livello internazionale, mi sento un privilegiato per aver collezionato 114 presenze in Nazionale e aver avuto l’onore di essere il capitano della squadra del mio paese”, ha concluso Gerrard.

La carriera – Nel 2006 è stato nominato dalla regina Elisabetta membro dell’Ordine dell’Impero Britannico per meriti sportivi. Nato a Whiston il 30 maggio 1980, Steven Gerrard ha giocato praticamente sempre con la maglia del Liverpool, squadra con cui ha debuttato in Premier League nel 1998 in una gara contro il Blackburn Rovers. L’addio a 17 anni di distanza, nel 2015, dopo aver realizzato 120 reti in 504 partite di Premier League. Con la maglia dei Reds ha vinto in totale otto trofei, fra cui la Coppa Uefa 2000/2001 e soprattutto la famosa Champions League 2004/2005. In quella stagione, il centrocampista arrivò terzo nella classifica del Pallone d’Oro, vinto da Ronaldinho. Nella stagione 2006/2007 disputò una seconda finale di Champions League, ad Atene, questa volta persa nella rivincita contro il Milan. Il grande cruccio rimane però non aver mai vinto il campionato inglese: nel 2014 la grande occasione sembrava a portata di mano, ma proprio un suo errore causò la sconfitta interna contro il Chelsea decisiva per le sorti del titolo, poi finito nelle mani del Manchester City allenato da Mancini. Dopo la delusione il passaggio per 18 mesi ai Los Angeles Galaxy, con cui ha segnato 5 gol in 34 presenze nella Mls americana. In nazionale Gerrard ha disputato 114 partite, 40 con la fascia di capitano al braccio.  Ha partecipato a tre Europei (2000, 2004 e 2012) e a tre Mondiali (2006, 2010 e 2014), senza mai togliersi la soddisfazione di alzare un trofeo.

Il futuro – Dopo l’addio al calcio giocato, i bookmaker si sono sbizzarriti nel prevedere che cosa potrà fare ora Steven Gerrard. All’orizzonte ci sarebbe un contratto da opinionista o presentatore in una delle trasmissioni calcistiche d’oltremanica, Bbc o Sky. Meno probabile l’opzione come allenatore in seconda al Celtic oppure nel suo amato Liverpool. Mentre per il ruolo da manager nei Reds o da c.t. della nazionale bisognerà ancora aspettare. Naturalmente c’è anche chi ipotizza scenari diversi, come quello di concorrente al Grande Fratello Vip o di presidente dell’Uefa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Neymar, procura spagnola chiede 2 anni di carcere. “Corruzione e frode nel suo trasferimento dal Santos al Barcellona”

prev
Articolo Successivo

Genoa-Juventus 3-1, in campo la brutta copia della Vecchia Signora: svogliata, irriconoscibile. Che perde pure Bonucci

next