Il tribunale dei minorenni di Milano ha rigettato la domanda “incrociata” di due donne conviventi, Alba e Bice, per adottare la figlia biologica l’una dell’altra, bimbe fatte nascere nel progetto di coppia con la fecondazione assistita. Una pronuncia, della quale ha scritto oggi Repubblica, che va in senso opposto ad altre due sentenze in materia, da parte del Tribunale di Roma, nel 2014, e della Corte di Cassazione, 5 mesi fa.

Nonostante il parere favorevole del servizio di adozione che aveva sottolineato la serenità delle bambine in questa situazione familiare, i giudici hanno ricordato che l’adozione del figlio del partner nelle coppie dello stesso sesso non è contemplata dal legislatore e non può allora essere il giudice a introdurla con “la valutazione del caso concreto” all’insegna del “supremo interesse del minore”: che è certo un criterio, ma non è “l’unico parametro a cui il giudice debba relazionarsi”, al punto che anzi “esorbita dall’ambito consentito” una “interpretazione creativa” che prescinda “dagli ulteriori presupposti previsti” e così “si traduca in un’implicita affermazione di irrilevanza dell’impianto normativo”.

Le diverse pronunce della magistratura, d’altra parte, si basano sul vuoto legislativo dovuto al fatto che l’adozione del figlio del partner, la cosiddetta stepchild adoption, non è stata inserita nella legge Cirinnà, approvata a primavera dal Parlamento, nel che ha introdotto nell’ordinamento italiano le unioni civili.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Regione Lombardia, Romeo (Lega): “Stipendi donne diversi? Uomini fanno straordinari, loro preferiscono i figli”

next
Articolo Successivo

Profughi a Milano, protesta per le condizioni della struttura di accoglienza. Il prefetto li incontra

next