Matteo Renzi aveva già minimizzato il caso De Luca e la sua apologia del clientelismo. Ora anche il presidente del Partito democratico Matteo Orfini non condanna le parole del presidente della regione Campania Vincenzo De Luca, che aveva invitato 300 amministratori a portare voti al premier, perché “manda fiumi di soldi. Che vi piaccia o no me ne fotto”. “Ormai vale tutto per il Sì? Guardi, io non sono mai andato d’accordo con De Luca, non sono il più adatto a difenderlo. Ma le sue parole sono state strumentalizzate: era una battuta, stava prendendo in giro con un tono scherzoso”, replica Orfini ai microfoni del fattoquotidiano.it. Eppure la senatrice dem Lucrezia Ricchiuti, tra i componenti della commissione di garanzia del Nazareno, vuole attivarsi per una procedura contro De Luca. Ma Orfini taglia corto: “Siamo un grande partito, c’è sempre chi solleva un caso. Noi vogliamo parlare di merito…”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, quando lo spot politico era d’autore e Gigi Proietti (nel 74) invitava a votare “No”

next
Articolo Successivo

Firme false M5S a Palermo, Villarosa: “Nuti e Mannino non autosospesi? Dovrebbero farlo”

next