L’ex presidente della Rai Roberto Zaccaria – ospite a Bologna dell’incontro organizzato da Pippo Civati e dal suo partito Possibile annuncia di avere presentato un ricorso all’Agcom, l’Autorità nazionale delle telecomunicazioni, su quella che definisce “una presenza enorme del governo e del presidente del Consiglio Matteo Renzi nel dibattito in televisione sulla riforma costituzionale”. Il ricorso è stato presentato assieme ad altri contrari alla riforma costituzionale, tra i quali Alessandro Pace, presidente del Comitato nazionale per il No al referendum del 4 dicembre. “Una legge del 1993 – spiega Zaccaria al Fatto Tv – dice che il governo, durante le campagne elettorali, deve parlare lo stretto indispensabile e con sobrietà. Ma noi ora abbiamo un protagonismo assoluto del presidente del Consiglio a ogni ora del giorno e nei Tg principali. Anche quando il premier parla d’altro, di Europa o di legge di stabilità, c’è una propaganda oggettiva a favore del Sì”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Civati fa il meteorologo alla sua contro-Leopolda: “Renzi a ‘Che tempo che fa’? Io a ‘Stai sereno variabile'”

next
Articolo Successivo

Firme false M5s Palermo, tra gli indagati la deputata nazionale Mannino. Ora interrogatori, poi via alle Comunarie

next