L’ex presidente della Rai Roberto Zaccaria – ospite a Bologna dell’incontro organizzato da Pippo Civati e dal suo partito Possibile annuncia di avere presentato un ricorso all’Agcom, l’Autorità nazionale delle telecomunicazioni, su quella che definisce “una presenza enorme del governo e del presidente del Consiglio Matteo Renzi nel dibattito in televisione sulla riforma costituzionale”. Il ricorso è stato presentato assieme ad altri contrari alla riforma costituzionale, tra i quali Alessandro Pace, presidente del Comitato nazionale per il No al referendum del 4 dicembre. “Una legge del 1993 – spiega Zaccaria al Fatto Tv – dice che il governo, durante le campagne elettorali, deve parlare lo stretto indispensabile e con sobrietà. Ma noi ora abbiamo un protagonismo assoluto del presidente del Consiglio a ogni ora del giorno e nei Tg principali. Anche quando il premier parla d’altro, di Europa o di legge di stabilità, c’è una propaganda oggettiva a favore del Sì”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum, Civati fa il meteorologo alla sua contro-Leopolda: “Renzi a ‘Che tempo che fa’? Io a ‘Stai sereno variabile'”

prev
Articolo Successivo

Firme false M5s Palermo, tra gli indagati la deputata nazionale Mannino. Ora interrogatori, poi via alle Comunarie

next