L’ex presidente della Rai Roberto Zaccaria – ospite a Bologna dell’incontro organizzato da Pippo Civati e dal suo partito Possibile annuncia di avere presentato un ricorso all’Agcom, l’Autorità nazionale delle telecomunicazioni, su quella che definisce “una presenza enorme del governo e del presidente del Consiglio Matteo Renzi nel dibattito in televisione sulla riforma costituzionale”. Il ricorso è stato presentato assieme ad altri contrari alla riforma costituzionale, tra i quali Alessandro Pace, presidente del Comitato nazionale per il No al referendum del 4 dicembre. “Una legge del 1993 – spiega Zaccaria al Fatto Tv – dice che il governo, durante le campagne elettorali, deve parlare lo stretto indispensabile e con sobrietà. Ma noi ora abbiamo un protagonismo assoluto del presidente del Consiglio a ogni ora del giorno e nei Tg principali. Anche quando il premier parla d’altro, di Europa o di legge di stabilità, c’è una propaganda oggettiva a favore del Sì”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Civati fa il meteorologo alla sua contro-Leopolda: “Renzi a ‘Che tempo che fa’? Io a ‘Stai sereno variabile'”

next
Articolo Successivo

Firme false M5s Palermo, tra gli indagati la deputata nazionale Mannino. Ora interrogatori, poi via alle Comunarie

next