Forte calo delle assunzioni stabili rispetto allo stesso periodo del 2015, ulteriore incremento dell’uso dei voucher per pagare prestazioni occasionali, aumento dei licenziamenti. I dati Inps sui primi nove mesi del 2016 confermano tutte le tendenze in atto dall’inizio dell’anno, quando è scattata la riduzione degli sgravi contributivi per le assunzioni a tempo indeterminato. Tra gennaio e settembre, in particolare, i datori di lavoro privati hanno firmato 4.314.000 assunzioni, il 7,7% in meno rispetto al 2015, ma i contratti stabili sono stati il 32% in meno rispetto a quelli attivati nello stesso periodo del 2015. Sono poi stati venduti 109,5 milioni di buoni lavoro da 10 euro, con un aumento del 34,6% rispetto all’anno prima, quando erano stati 81,3 milioni. Si tratta di fatto della nuova frontiera del precariato: 1,4 milioni di lavoratori con compensi medi annui che non arrivano a 500 euro.

L’Inps nel suo Osservatorio sul precariato rileva che, per quanto riguarda i tempi indeterminati, il saldo positivo per 47.455 unità è di oltre il 90% inferiore a quello dello stesso periodo del 2015 (519.690), quando era in vigore l’esonero contributivo previdenziale totale. Al contrario i contratti a tempo determinato attivati nei primi 9 mesi sono stati 2.751.000, in aumento sia sul 2015 (+3,4%) sia sul 2014 (+5,9%). Per i contratti in apprendistato si osserva una crescita, rispetto all’analogo periodo del 2015, del 20,8%. Gli stagionali invece registrano una riduzione del 7,3%.

Per quanto riguarda i licenziamenti, nei primi 9 mesi del 2016 sono cresciuti nel complesso del 4% rispetto allo stesso periodo del 2015, da 430.894 a 448.544, mentre sono aumentati del 28% quelli per motivi disciplinari (giusta causa e giustificato motivo). Il presidente dell’Inps, Tito Boeri, ha spiegato però che il cambiamento che ha avuto maggiore effetto sull’aumento dei licenziamenti disciplinari è l’introduzione delle dimissioni on line. Questa normativa ha di fatto portato a una riduzione delle dimissioni volontarie (la procedura infatti è troppo complicata, soprattutto per gli stranieri) e un aumento dei licenziamenti disciplinari, meno costoso e più rapido per le aziende. “Le dimissioni on line hanno determinato una ricomposizione delle cause di cessazione. Una dinamica che ha coinvolto soprattutto lavoratori stranieri e con particolare intensità etnie ad alta imprenditorialità come quella cinese“, ha detto Boeri. Sempre alla voce dei contratti a tempo indeterminato, i licenziamenti per motivi oggettivi come la crisi aziendale sono ammontati a poco meno di 354mila in aumento del 6% sul 2015.

Stando a un focus dello stesso istituto previdenziale, comunque, nel 2016 scende la probabilità che un lavoratore a tempo indeterminato possa venire licenziato: la percentuale stimata su base annua infatti potrebbe passare a fine anno dal 7% del 2014 al 6%. Sui primi nove mesi dell’anno, infatti, in rapporto allo stesso periodo dell’anno scorso, il rischio di venire licenziati è passato dallo 0,38% al mese per il 2015 allo 0,36% al mese per il 2016. Una riduzione “significativa”, questa, secondo l’Inps, dovuta all’aumento dei posti di lavoro cresciuti, in termini di saldo tra cessazioni ed assunzioni, di quasi 500mila unità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amianto, le responsabilità dello Stato

next
Articolo Successivo

Concorsi, il pasticciaccio dei dirigenti ‘idonei’ nei ministeri: gli incarichi vanno agli esterni

next