Siamo abituati a leggere i libri con gli occhi, perché così ci è sempre stato insegnato. E se per una volta provassimo a utilizzare anche le mani? Un’occasione interessante è la mostra Sensi Unici, che è stata inaugurata al Palazzo delle Esposizioni di Roma il 12 novembre e sarà visitabile fino al 26 febbraio 2017: si tratta di un percorso a ingresso libero attraverso libri e opere d’arte tattili, nazionali e internazionali, alla scoperta di un nuovo modo di immaginare e guardare la realtà.

sensi-unici-le-opere-in-mostraCurata dal Laboratorio d’arte del Palazzo delle Esposizioni e Scuderie del Quirinale, con il contributo della Federazione nazionale delle Istituzioni pro ciechi onlus, l’esposizione è parte del progetto speciale “Punti di vista” e raccoglie il meglio dell’editoria tattile illustrata, con uno speciale allestimento di tavole materiche e operative per coinvolgere il pubblico.

Tra carta, stoffa e filo, i quattro angoli tematici allestiti si ispirano alle materie prime del libro ed esplorano la strada percorsa dagli albori dell’opera tattile, con la delicata raffinatezza dei primi maestri che hanno coniugato l’oggetto-libro, il tatto e l’arte, fino ad arrivare agli artisti contemporanei.

Ci sarà così spazio per i Pre-libri di Bruno Munari, gli eleganti libri di carta di Katsumi Komagata, la ricerca su astrazione e composizione di Sophie Curtil e i preziosi libri cuciti di Maria Lai. Ai protagonisti storici seguono autori affermati, come Mauro Bellei e Mauro L. Evangelista, e giovani artisti, alcuni dei quali vincitori del Concorso internazionale Typhlo & Tactus e del Concorso nazionale di editoria tattile Tocca a te!, organizzato ogni due anni dalla Federazione nazionale delle Istituzioni pro ciechi onlus.

Trasformato in uno strumento originale di mediazione e inclusione, il libro annulla così ogni barriera fisica, linguistica e culturale, proponendosi come un vero e proprio punto di incontro tra persone dalle differenti origini e abilità. Non mancheranno poi gli eventi speciali, i corsi di formazione e i laboratori dedicati a scuole e famiglie, per promuovere il libro tattile illustrato come strumento efficace di educazione accessibile a tutti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

India, fuori corso le banconote da 500 e 1000 rupie contro evasione e corruzione. E’ caos

prev
Articolo Successivo

Iran, due artisti in carcere per censura. Un appello per non dimenticare

next