Una cinquantina di giovani dei collettivi studenteschi ha fatto irruzione in un Mc Donald’s di piazza Duomo a Milano al grido di “l’alternanza scuola lavoro è indigeribile“. Gli attivisti dopo aver raggiunto le casse volantinando, si sono seduti a terra urlando all’unisono slogan, tra cui: “Ci bocciano, ci sfruttano, ci danno l’happy meal. Questa è la loro scuola-lavoro”. Alcuni di loro, indossando parrucche rosse simili a quelle del clown Ronald Mc Donald, hanno appeso striscioni tra i tavolini dove i clienti del fast food stavano facendo colazione. “Vogliamo essere formati in quanto individui, non schiavizzati da multinazionali criminali – hanno scandito al megafono i ragazzi – Ci chiediamo come possa essere utile per la nostra formazione un’esperienza lavorativa in una multinazionale colpevole di sfruttamento, deforestazione, disastri ambientali, obesità e cancro”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bonus 500 euro per i docenti, dopo il caos (e con un anno di ritardo) arriva la card elettronica: ecco come funziona

prev
Articolo Successivo

Scuola dell’infanzia, 200 milioni per i nuovi poli 0-6 anni. Fino a 5mila assunzioni per le maestre d’asilo

next