Come si usano i dati economici? Il problema non sono i numeri, o i politici che legittimamente provano a piegarli a una narrazione predefinita, il problema sono i media. O meglio, il problema è il ruolo che giornali e informazione televisiva assumono quando la comunicazione politica diviene volutamente stordente.

È da oltre un anno e mezzo – da quando la macchina dello staff di Palazzo Chigi si è messa in moto per giustificare la riforma del lavoro attraverso i dati su occupati e contratti – che i limiti della categoria sono evidenti. La colpa è collettiva. Spesso si leggono titoli come: “Giù gli occupati stabili”, quando invece si parla di contratti di lavoro. E questo è l’errore meno grave a cui si è assistito in questi mesi. Il “caos dei dati” – espressione usata dal presidente dell’Istat Giorgio Alleva – ormai riguarda un po’ tutto, dall’andamento del Pil agli effetti delle misure contenute nella manovra finanziaria.

I media, a qualsiasi tipologia essi appartengano, non sono delle bussole neutre, nemmeno nel sempre lodato giornalismo anglosassone. Ai lettori viene sempre offerta una lettura dei numeri che ogni giorno ci vengono forniti, altrimenti c’è il comunicato stampa dell’ente che ha prodotto i dati e ognuno si fa la sua idea.

Ma non sempre funziona così. Quando vengono offerte in diretta tv le slide con i risultati dell’azione del governo, lo si fa proprio scimmiottando questa idea: “Questi sono i numeri, sotto c’è la fonte”. Niente trucco e niente inganno. Nessun dato, però, anche quando non volutamente falsato, riesce da solo a fornire un’informazione corretta e completa. Senza spiegare qual è il contesto all’interno del quale si inserisce può addirittura essere fuorviante.

Vale per il “record di recupero dell’evasione fiscale” come per i grandi piani di investimento  (edilizia scolastica, dissesto idrogeologico etc.) annunciati. Ed è quello che, se vorrete partecipare al corso “Come si usano i dati economici” (sabato 12 novembre), proverò a trasmettervi.

È chiaro che per potersi districare in questo “caos” servono mezzi e strumenti idonei. Conoscere le fonti dei dati, e capire come leggerli permette al giornalista di essere d’aiuto al lettore, e a quest’ultimo di farsi un’idea senza dover per forza prendere per buona la lettura fornita dal primo.

Le informazioni statistiche non sono appannaggio del governo o della stampa: se adeguatamente interpellate, servono a restituire con maggiore limpidezza i contorni delle vicende che tutti i giorni si affacciano nel dibattito pubblico. E a distinguere la propaganda dall’analisi fattuale.

Qui il programma completo dei corsi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Matteo Renzi e ‘la foto con il disabile’, perché non ignorare i soliti provocatori?

prev
Articolo Successivo

Trump presidente Usa, in memoria dell’intellighenzia liberal

next