È uno dei settori più inflazionati tra gli aspiranti giornalisti, quello che finisce nelle prime pagine dello sfoglio di un quotidiano e nei titoli di apertura di siti e tg. E, per i lettori, è certamente quello che fornisce le chiavi di lettura più immediate per l’attualità.

Eppure, raccontare la politica resta una delle cose più difficili da fare: qui, più che altrove, c’è bisogno di mantenere equilibrio, qui va evitato il rischio di venire usati dalle fonti, qui è obbligatorio essere allergici al politichese.

Così, una delle lezioni che abbiamo deciso di proporre alla scuola del Fatto è proprio questa: “Come si scrive un articolo di politica“. Ovviamente lo facciamo a modo nostro, ovvero provando a fornire tutti gli strumenti utili a chi vuole andare oltre la “narrazione” fatta di comunicati, veline e uffici stampa.

Questo sabato (il 12 novembre, dalle 14:30 in poi) vi spiegheremo come usare le fonti aperte (i siti istituzionali, le banche dati, i dossier di documentazione che possono fornirci un patrimonio di informazioni spesso sottovalutato), vi racconteremo come funzionano i palazzi (come si accede, quali sono i “luoghi” da frequentare) e proveremo insieme (è prevista una esercitazione pratica) a costruire un pezzo: come scegliere l’attacco, quali elementi privilegiare, come usare i virgolettati.

Vi aspettiamo.

Qui il programma completo dei corsi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’Unità, caro Staino chiami il disegnatore Maramotti. O non è abbastanza renziano?

next
Articolo Successivo

Renzi, epic fail su Facebook: “Tutte le foto, tranne quella col disabile”. Staff: “Scelta per evitare strumentalizzazioni”

next