È uno dei settori più inflazionati tra gli aspiranti giornalisti, quello che finisce nelle prime pagine dello sfoglio di un quotidiano e nei titoli di apertura di siti e tg. E, per i lettori, è certamente quello che fornisce le chiavi di lettura più immediate per l’attualità.

Eppure, raccontare la politica resta una delle cose più difficili da fare: qui, più che altrove, c’è bisogno di mantenere equilibrio, qui va evitato il rischio di venire usati dalle fonti, qui è obbligatorio essere allergici al politichese.

Così, una delle lezioni che abbiamo deciso di proporre alla scuola del Fatto è proprio questa: “Come si scrive un articolo di politica“. Ovviamente lo facciamo a modo nostro, ovvero provando a fornire tutti gli strumenti utili a chi vuole andare oltre la “narrazione” fatta di comunicati, veline e uffici stampa.

Questo sabato (il 12 novembre, dalle 14:30 in poi) vi spiegheremo come usare le fonti aperte (i siti istituzionali, le banche dati, i dossier di documentazione che possono fornirci un patrimonio di informazioni spesso sottovalutato), vi racconteremo come funzionano i palazzi (come si accede, quali sono i “luoghi” da frequentare) e proveremo insieme (è prevista una esercitazione pratica) a costruire un pezzo: come scegliere l’attacco, quali elementi privilegiare, come usare i virgolettati.

Vi aspettiamo.

Qui il programma completo dei corsi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Unità, caro Staino chiami il disegnatore Maramotti. O non è abbastanza renziano?

next
Articolo Successivo

Renzi, epic fail su Facebook: “Tutte le foto, tranne quella col disabile”. Staff: “Scelta per evitare strumentalizzazioni”

next