A sette anni dalla sua fondazione (23 settembre 2009, primo giorno in edicola) Il Fatto Quotidiano segna un nuovo traguardo: i “mi piace” sulla pagina Facebook toccano quota 2 milioni. La comunità di utenti e lettori che ha reso possibile la nascita del giornale, continua a farsi sentire. E oltre a facebook ci sono anche: un milione e 630 mila follower su Twitter. 608 blogger che pubblicano 5274 post all’anno sul sito ilfattoquotidiano.it. 25.069.747 di commenti sempre sul sito. 1.071.207 di utenti giornalieri online. 18.441.000 utenti unici al mese. Più di 170.000 video e articoli pubblicati dal varo del sito a giugno 2010. Ma non c’è solo il web. I sostenitori e gli abbonati che ogni giorno scelgono di dare fiducia al Fatto sono 13.448. Il totale delle copie vendute dal giornale ad agosto sfiora le 50 mila copie (media giornaliera). La storia continua tutti i giorni con tutti voi…

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

L’Unità, su Twitter botta e risposta tra il direttore Staino e Fabrizio Rondolino

next
Articolo Successivo

Tiziana Cantone: Facebook cancella, ma potrebbe dover rivelare i nomi dei propri utenti

next