No ai 5 stelle, sì ai leghisti, ai berlusconiani e ai vecchi politici. Matteo Renzi, salvo sorprese, eviterà i confronti tv con gli esponenti M5s, si sceglierà personalmente gli interlocutori e al massimo potrà accettare faccia a faccia con rappresentanti del Carroccio o parlamentari più anziani. La regola, come racconta la Stampa, viene direttamente dal presidente del Consiglio che nelle ultime settimane di campagna elettorale per il referendum studia con attenzione le strategie di comunicazione. Così mentre pubblicamente attacca Beppe Grillo di fuggire dai dibattiti televisivi, non intende accettare la sfida di Luigi Di Maio o Alessandro Di Battista. Proprio quest’ultimo nello studio della Gruber su La7 con il fondatore di Repubblica Eugenio Scalfari, si è rivolto a Renzi: “Perché ha paura di confrontarsi con noi?”.

Domanda destinata a cadere nel vuoto perché, almeno per il momento, il leader dem non intende accettare la sfida. L’obiettivo, studiato a lungo con il consulente Usa Jim Messina e la produttrice tv Simona Ercolani, è quello di mettere in evidenza agli occhi degli elettori una presunta dicotomia tra il vecchio che non vuole cambiare le cose e il nuovo che lui stesso si sente di incarnare. Quindi Renzi accetterà dibattiti solo con personaggi come il capogruppo di Fi Renato Brunetta o gli ex Pd Stefano Fassina e Alfredo D’Attorre. Sono benvenuti soprattutto i confronti con quelli che Renzi definisce “i dinosauri da Prima Repubblica”, vedi Ciriaco De Mita con il quale si è scontrato nel programma “Sì o No” di Enrico Mentana.

Dentro il partito è anche aperta la caccia da tempo per avere altri volti noti che affianchino il presidente del Consiglio nella campagna televisiva. Servono giovani, ma che siano preparati. Rientra in questa operazione il ripescaggio del vecchio amico, poi allontanato e ora di nuovo all’improvviso nelle grazie di Renzi, Matteo Richetti: il deputato aprirà la Leopolda e sarà il “frontman per il Sì”. Poi c’è Maria Elena Boschi, ma anche i ministri Dario Franceschini e Andrea Orlando. Tutti sono mobilitati per un coinvolgimento diretto e per evitare lo sfilacciamento delle truppe nel caso in cui vincesse il fronte del No.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Bersani: “Non posso perdonare Renzi per fiducia su Italicum. Ma se perde il Sì non deve dimettersi”

next
Articolo Successivo

Sondaggi a un mese dal referendum: il No rallenta, torna il testa a testa con il Sì. Gli elettori sempre più fedeli ai partiti

next