Il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, è indagato dalla magistratura tedesca per la mancata rimozione di contenuti ritenuti “criminali” e “negazioni del genocidio ebraico“. Per la prima volta in Germania i giudici hanno deciso di aprire un’indagine sul capo del colosso californiano. A rivelarlo è il sito del settimanale Der Spiegel precisando che l’indagine viene condotta dalla Procura di Monaco contro, tra gli altri, la direttrice operativa del social network, Sheryl Sandberg, e il capo-lobbista per l’Europa, Richard Allan.

L’indagine è stata innescata dalla denuncia di un avvocato di Wuerzburg, Chan-jo Jun, che accusa Facebook di aver omesso di rimuovere “istigazioni all’omicidio, minacce di violenza, negazioni dell’olocausto e altri crimini” nonostante fossero stati debitamente segnalati. All’inizio dell’anno una denuncia analoga alla Procura di Amburgo era rimasta senza conseguenze per carente competenza territoriale e indagini contro manager tedeschi erano state archiviate, ricorda il sito di Der Spiegel.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Mosul, denuncia Onu: “Isis rastrella bimbi dai 9 anni in su per arruolarli. 1600 civili rapiti da usare come scudi umani”

next
Articolo Successivo

Libia, Calonego e Cacace “liberati dal governo di Tripoli”. Dubbi sul pagamento di un riscatto

next