Il terremoto non dà tregua a Marche e Umbria. E questa volta, oltre a scuotere di nuovo Roma, spaventa anche la Toscana. Una nuova forte scossa si è verificata all’1,35: magnitudo 4.8, epicentro in provincia di Macerata, vicino a Pieve Torina, a soli 8,4 chilometri di profondità. A sentire il sisma in modo più forte i territori delle Marche, fino ad Ancona, ma soprattutto i paesi sconvolti dal terremoto di domenica: Visso, Ussita, Camerino, Serravalle di Chienti, Preci in Umbria. Tanta paura fra gli sfollati, ormai più di 20mila nelle Marche, ma nessuno ha chiamato i vigili del fuoco anche perché si trovano in zone sicure. Le verifiche per eventuali danni sono cominciate all’alba. Nuovi crolli sono segnalati nella zona rossa a Pievebovigliana, già distrutta dai terremoti della scorsa settimana: nella Chiesa di Santa Maria Assunta, una casa privata e a Colle Fiano. “È stata una gran botta – dice il sindaco Sandro Luciani – Ci siamo svegliati tutti, ammesso che qualcuno riesca a dormire veramente dopo tre mesi così”.

E’ ormai da una settimana che il Centro Italia non ha pace. Solo da mezzanotte tra Marche, Umbria e Lazio sono state registrate almeno 105 scosse di terremoto di magnitudo non inferiore a 2 punti. Oltre a quella dell’1,35, la più forte è stata alle 3,38, ha avuto una magnitudo di 3.2 e l’epicentro a Ussita (Macerata). Ma, come detto, questa volta il sisma si è esteso alle province di Arezzo e Firenze, ma anche dell’Aquila. I cittadini si sono spaventati soprattutto in Toscana: tre scosse tra le 5,21 e le 5,27 ha spinto i cittadini ad “assaltare” i centralini dei vigili del fuoco di Arezzo. Per il momento qui non si registrano danni.

Il primo effetto è che si fa più complicato il quadro delle verifiche di scuole e abitazioni private da controllare nelle Marche. Le richieste di sopralluoghi aumentano, spiegano dalla Sala operativa unificata della Protezione civile, e sono centinaia in più di giorno in giorno. Nelle aree del cratere, fra l’alto Maceratese e l’Umbria, la notte scorsa ha anche piovuto su tende e roulotte. “Per oggi – spiega Francesco Iocca – è prevista una coda di pioggia e freddo che dal nord della regione si sposterà verso sud in mattinata, con piogge fino a 5-10 millimetri. E picchi di 30 millimetri per temporali sparsi”.

Entro la fine della settimana, intanto, il governo potrebbe approvare in consiglio dei ministri il nuovo decreto per i fondi della ricostruzione. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha ipotizzato che i due decreti – quello approvato a inizio ottobre per il post-sisma d’agosto e il prossimo – possano essere unificati, ma non è detto. Si tratta, comunque, di tecnicalità parlamentari. Il punto, come ricorda oggi il ministro per le Infrastrutture Graziano Delrio ad Agorà, è che “ci vogliono tanti soldi perché sulla prevenzione abbiamo investito poco negli ultimi 20 anni. C’è chi stima 100 miliardi, dipende dalle priorità” ma “il lavoro può essere progressivo con 4-7 miliardi l’anno“. Si tratta di risorse “possibili perché noi spendiamo più di 4-5 miliardi anno per riparare il dissesto idrogeologico, dobbiamo spendere invece per prevenire”. Delrio aggiunge che “confida” nella comprensione dell’Unione Europea “della situazione eccezionale”. “L’Europa è casa nostra e dobbiamo sentirci a casa nostra – spiega il ministro – E’ impensabile che in una famiglia non si dia da mangiare al figlio perchè bisogna fare i conti con la banca”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Firenze, stalking al ministro Maria Elena Boschi: la polizia arresta un 44enne

next
Articolo Successivo

Terremoto, Vigili del Fuoco affidano le ispezioni più pericolose delle rovine ai droni

next