Halloween? Questa festa fa bene ai bambini. Chi parla di diavolo e di Satana è un ignorante, uno che non ha studiato. Io mi sono sempre mascherato: sono passato dalla streghetta cattiva alla fatina, ho indossato diversi abiti”. Sono le parole di don Michele Pio Cardone, parroco della chiesa San Nicola di Mira a Rodi Garganico (Foggia). Ospite di Ecg Regione (Radio Cusano Campus), il religioso racconta: “Nella mia parrocchia festeggiamo ogni anno questa festa. L’idea è di tenere i bimbi con le loro famiglie in parrocchia, perché comunque si travestirebbero e andrebbero a bussare alla porta di sconosciuti. In questo modo li aiutiamo a vivere questa festa con il loro papà e la loro mamma”. Poi il j’accuse: “Halloween festa satanica? Veramente il diavolo non ha bisogno del 31 ottobre per andare in giro ad accalappiare anime. Ci sono molte persone, anche nell’ambiente ecclesiastico, che sono ignoranti, che non hanno studiato. Basterebbe studiare un po’ di più per capire che non è vero che Halloween non sia una festa cristiana e che non sia una festa tipica italiana. Ci sono persone ignoranti” – continua – “non capiscono che questa festa fa bene ai bambini. I bambini si devono liberare dalle paure, anche il discorso di fede non va improntato sulla paura, su Satana o sul timore del peccato, ma su Gesù, sulla luce, sul suo messaggio di pace. Le crociate contro Halloween sono da Medioevo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, il sindaco di Albettone Joe Formaggio: “Orgogliosamente razzisti. Da noi i negri rischiano la pelle”

prev
Articolo Successivo

Referendum, Bonafè (Pd) vs Scanzi: “Troppe bufale sulla riforma”. “Come quelle che senti anche ascoltando te stessa”

next