“La riforma costituzionale incide sulla vita di tutti cittadini: non e’ una riforma per addetti ai lavori”. Così la ministra per le Riforme Maria Elena Boschi alla presentazione della rete ‘#bastaunsì‘ per sviluppo e lavoro. Rete che conta, spiega la senatrice Annamaria Parente, 30 comitati in 9 regioni. Per Boschi “la riforma del Titolo V è stata la più complessa da fare”. E spiega: “Riportare il diritto alla sicurezza sul lavoro in capo allo Stato, e non più alle regioni, avrà un impatto forte: creerà uniformità di diritti. Non meno democrazia, ma meno burocrazia”. E in un passaggio successivo, trattando la riforma del titolo V, il ministro delle Riforme Costituzionali e per i rapporti con il Parlamento afferma: “Dopo (l’approvazione definitiva della riforma, con la vittoria del Sì al referendum del 4 dicembre, ndr) potranno anche esserci modifiche, adeguamenti e si potrà vedere se funzionano bene”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum costituzionale, autocoscienza del mio pacato NO

next
Articolo Successivo

Sondaggi, referendum: per Ixè il No allunga sul Sì, 3 punti di vantaggio. Migranti, il 74% li accoglierebbe in città

next