“La riforma costituzionale incide sulla vita di tutti cittadini: non e’ una riforma per addetti ai lavori”. Così la ministra per le Riforme Maria Elena Boschi alla presentazione della rete ‘#bastaunsì‘ per sviluppo e lavoro. Rete che conta, spiega la senatrice Annamaria Parente, 30 comitati in 9 regioni. Per Boschi “la riforma del Titolo V è stata la più complessa da fare”. E spiega: “Riportare il diritto alla sicurezza sul lavoro in capo allo Stato, e non più alle regioni, avrà un impatto forte: creerà uniformità di diritti. Non meno democrazia, ma meno burocrazia”. E in un passaggio successivo, trattando la riforma del titolo V, il ministro delle Riforme Costituzionali e per i rapporti con il Parlamento afferma: “Dopo (l’approvazione definitiva della riforma, con la vittoria del Sì al referendum del 4 dicembre, ndr) potranno anche esserci modifiche, adeguamenti e si potrà vedere se funzionano bene”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum costituzionale, autocoscienza del mio pacato NO

next
Articolo Successivo

Sondaggi, referendum: per Ixè il No allunga sul Sì, 3 punti di vantaggio. Migranti, il 74% li accoglierebbe in città

next