Polemiche in rete e non solo per il tweet del senatore M5s Andrea Cioffi. Pochi minuti dopo le scosse del 26 ottobre nel centro Italia, il parlamentare grillino ha twittato un messaggio, poi subito rimosso: “A Roma due forti scosse di terremoto in due ore”, si leggeva nel post. “Il Senato ha retto benissimo. Reggerà anche alla deforma di Renzi. #iovotono”. Sommerso dalle critiche, Cioffi ha deciso di cancellare il testo: “Mi scuso pubblicamente per il precedente tweet. Non volevo mancare di rispetto a nessuno. Esprimo vicinanza alle persone colpite dal terremoto”.

Non è bastato il passo indietro per spegnere le polemiche. Il messaggio è stato salvato, rilanciato online e condannato dai colleghi del Partito democratico. “Il Paese si stringe intorno ai paesi colpiti dal terremoto come sempre. Invece questo è un senatore del Movimento 5 Stelle. Senza parole”, ha scritto il deputato democratico Emanuele Fiano. Un affondo arriva anche dal presidente della conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini: “Il senatore M5S Cioffi deve vergognarsi. Per rispetto di chi, in queste ore nel Centro, o 4 anni fa qui in Emilia, soffre o ha sofferto davvero”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Unione Europea, Mattarella: “Troppe critiche a Ue e alle sue regole”

prev
Articolo Successivo

Milano, Sala spende più di Pisapia per lo staff: 55 assunzioni al costo di 2,8 milioni

next