Morto per overdose d’eroina, stavolta però è stato un cane a rimetterci la pelle. Si chiamava Ziggy ed era di Elia Cevoli, residente del quartiere Esquilino, in pieno centro a Roma. “L’otto ottobre scorso – racconta Elia – mio marito ha portato il cane qui al parco, ha fatto i suoi bisogni e ha iniziato a sentirsi male, si è spento lentamente, sicuramente ha trovato qui qualcosa per terra che l’ha ammazzato”. Presumibilmente il cane di Elia ha ingerito una dose di eroina nascosta chissà dove o buttata a seguito di una retata dai numerosi pusher del parco di piazza Vittorio. E da quando Ziggy è morto l’area cani è poco frequentata, come confermano i residenti. Un po’ di timore tra gli abitanti c’è, meglio portare il proprio animale a fare un giro attorno al palazzo. E oltre agli stupefacenti nel parco spesso capita di trovare siringhe usate e le istituzioni non sembrano assistere i residenti: “Mi è capitato spesso di segnalarlo – spiega un ragazzo che da anni porta il cane al parco – ma non c’è mai stata nessuna risposta da parte degli enti preposti”. Anche Paola Morano, del comitato Esquilino, ha segnalato più volte lo spaccio a cielo aperto, le siringhe e il degrado in cui versa il parco ma non pare abbia ottenuto risposte neanche lei. A quanto sembra il parco da una decina di giorni è anche senza illuminazione: “E’ stata manomessa la centralina – sottolinea Paola – e non sappiamo chi sia stato ma abbiamo il sospetto che l’abbiano fatto per spacciare più tranquillamente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto Centro Italia: “Tra Marche e Umbria oltre quattromila sfollati”. Renzi: “Non ci saranno tendopoli” (FOTO e VIDEO)

prev
Articolo Successivo

Migranti: la logica di Gorino somiglia a quella di Trump e della Brexit

next