Un patteggiamento senza precedenti nella storia dell’industria automobilistica americana. Come preannunciato nel luglio scorso, Volkswagen verserà 14,7 miliardi di dollari nelle casse della giustizia americana per porre fine al contenzioso legato allo scandalo dei test sulle emissioni diesel truccati. L’accordo prevede anche il risarcimento dei clienti statunitensi e il riacquisto di 475mila auto coinvolte nel caso Dieselgate a partire da novembre: misure che costeranno all’azienda di Wolfsburg poco più di 10 miliardi.

I clienti europei, però, restano a bocca asciutta. Secondo La Stampa, la commissaria Ue alla giustizia Vera Jarouvà alla vigilia del suo incontro con i membri del board dell’azienda tedesca che si svolgerà giovedì ha chiesto alla casa automobilistica di offrire anche ai consumatori residenti nella Ue vantaggi ulteriori rispetto a quelli previsti nell’ambito di un normale richiamo per un difetto tecnico. Secondo quanto riferisce il Financial Times, Bruxelles ritiene che Volkswagen debba garantire “speciale attenzione” ai clienti che vorrebbero vendere la loro auto ma non riescono a causa del richiamo, e valutare, in questi casi, la possibilità di acquistare essa stessa le vetture.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bonus 500 euro ai 18enni, “sarà in vigore dall’1 novembre”. A un anno da quando Renzi l’ha annunciato

prev
Articolo Successivo

Derivati enti locali, comune di Jesi vince contro Unicredit che dovrà restituire 1,2 milioni di euro

next