Dibattito acceso sul tema della triste fine dei bufalini, la cui colpa è quella per l’industria casearia di essere nati maschi e quindi non produttori del preziosissimo latte, ingrediente di pregio per le mozzarelle. Se ne è parlato nel corso della presentazione del libro a Roma di Giulia Innocenzi ‘Tritacarne’ (edito da Rizzoli) tra la giornalista e il noto chef Gianfranco Vissani. “Io sono stato testimonial della carne di bufala. Non sapevano gli allevatori cosa farne della carne – afferma Vissani – e io l’ho messa sul mercato. Comunque voi dovreste preoccuparvi del rischio diossina nella mozzarella di bufala, poi i malvagi, a proposito della fine tragica dei bufalini, ci saranno sempre”. Il tema degli allevamenti delle bufale, e non solo, sarà trattato dalla giornalista di Servizio Pubblico nel programma inchiesta ‘Animali come noi‘ che andrà in onda prossimamente su Raidue (immagini di Mauro Episcopo).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cannabis, i sindaci Sala e de Magistris: “Liberalizzazione? Favorevoli”

prev
Articolo Successivo

Lo chef Vissani ancora contro i vegani: “Nei biscotti c’è il pancreas del maiale”

next