Un bimbo di un anno e mezzo di etnia rom è morto dopo essere stato azzannato dal cane del padre alla testa e al collo. Secondo le prima ricostruzioni, il piccolo si è avvicinato al cane di razza Corso in un attimo di distrazione del genitore mentre lui e la nuova compagna stavano facendo un trasloco in un’abitazione rurale a Cepagatti, in provincia di Pescara.

L’incidente è avvenuto alle 18.30. Sul posto era arrivato l’elicottero del 118, ma la coppia non era più presente perché ha tentato una corsa disperata all’ospedale più vicino, quello di Chieti. Al pronto soccorso i sanitari hanno tentato di rianimare il bambino che mostrava evidenti segni di morsi al cranio, ma non c’è stato nulla da fare. E’ morto poco dopo per le ferite riportate anche se ancora non è chiaro se sia deceduto durante il trasporto all’ospedale o in pronto soccorso. I carabinieri della compagnia di Pescara hanno aperto un fascicolo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

ExoMars, sonda atterrata sul pianeta rosso. Ma niente segnale, ecco perché

next
Articolo Successivo

Telecamere negli asili contro gli abusi, ok della Camera alla legge: “Ma solo pm e polizia potranno vedere le immagini”

next