A cena con Barack Obama e Matteo Renzi ci saranno anche lo stilista Giorgio Armani, il presidente dell’Anticorruzione Raffaele Cantone e il regista Paolo Sorrentino. Nella lista ufficiale dei nomi per la sera del 18 ottobre alla Casa Bianca non ci sono solo il premio Oscar Roberto Benigni e le quattro donne simbolo dell’eccellenza italiana. La delegazione sarà così composta da otto personalità che rappresenteranno l’Italia.

Nelle scorse ore erano stati anticipati i primi nomi. A sorpresa è infatti arrivato l’invito anche per la campionessa paralimpica Bebe Vio, la direttrice del Cern Fabiola Gianotti, la sindaca di Lampedusa Giusi Nicolini, la curatrice del dipartimento di Architettura e Design del Moma Paola Antonelli. L’atleta Vio ha raccontato su Facebook della sua emozione per la decisione del presidente del Consiglio: “Quando ho ricevuto l’invito ho pensato ‘sono su scherzi a parte’. Una volta capito che era tutto vero il primo pensiero è stato ‘Oddio, cosa mi metto?'”. E ha poi pubblicato il suo vestito con il commento: “Questo è il risultato, che ne dite?”.

La sindaca Nicolini invece, intervistata dal Giornale di Sicilia, si è invece augurata che nel corso della serata ci sarà la possibilità di parlare con Obama del fenomeno dell’emigrazione di popolazioni che vivono la fame e la guerra, che si possa parlare dell’accoglienza e del Mediterraneo perché Lampedusa non è solo la porta d’Europa, ma un luogo emblematico del Mediterraneo”. E sulla scelta del presidente del Consiglio ha aggiunto: “E’ un riconoscimento all’impegno delle donne nei vari aspetti della vita. E’ un grande regalo e avviene in un momento in cui la violenza sulle donne dilaga, un momento di grande emarginazione e difficoltà a raggiungere l’effettiva pari opportunità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi a cena con Obama porta Benigni e 4 donne simbolo dell’eccellenza italiana: da atleta paralimpica a direttrice Cern

next
Articolo Successivo

Manovra, D’Alema: “Finanziaria abbastanza elettorale: dà tantissimo agli industriali che sono già schierati per il Sì”

next