“Non si ritorna al passato ma invece si va avanti. Si deve pensare per il domani e non per quello che è successo undici anni fa”. Il senatore di Forza Italia Antonio Razzi, ai microfoni di Radio Cusano Campus cerca di difendere il candidato per il partito repubblicano negli Stati Uniti Donald Trump, travolto dallo scandalo sulle sue dichiarazioni sessiste: “Sappiamo che il perno principale di una famiglia è la donna e chi parla male delle donne sappiamo che non è normale chi ne parla. Poi se si dice delle battute magari scherzosamente, ma sempre su una battuta che fanno tra due che si consigliano scherzosamente”. Infine difende Berlusconi che avrebbe pronunciato la frase “chi va con i negri mi fa schifo”: “Ma dai, io credo che questi che tirano fango sul presidente Berlusconi vuol dire che nella vita non hanno mai capito un cavolo di niente. E’ meglio che non vivono, meglio che vanno al terzo mondo, così nessuno li capisce quando parlano. Ma come si fa a parlare male di Berlusconi, io non ho parole. Ma quella cosa di una che va col negro gli fa schifo non l’ha detto, ma poi certe cose si dicono come battute, nella vita non si può essere a non sbagliare il punto e la virgola”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Usa 2016, Schwarzenegger: “Non voterò Trump, non accetto attacchi alle donne”

prev
Articolo Successivo

Usa 2016, la carica delle donne contro Trump. Altre quattro denunce sui giornali Usa: “Ci ha molestato sessualmente”

next