Salvatore Ligresti e la figlia Jonella sono stati condannati rispettivamente a sei anni e a cinque anni e otto mesi al processo torinese sul filone relativo al falso in bilancio e all’aggiotaggio informativo su Fondiaria Sai. All’ex patron della compagnia, 84 anni lo scorso marzo, è stata anche comminata una multa di 1,2 milioni, alla figlia di 1 milione. Condannati anche l’ex revisore Riccardo Ottaviani (2 anni e 6 mesi) e l’ex amministratore delegato Fausto Marchionni (5 anni e 3 mesi). Assolti invece Antonio Talarico, ex vicepresidente della compagnia, e l’ex revisore Ambrogio Virgilio.

La causa riguarda la presunta sottovalutazione della riserva sinistri della compagnia assicuratrice e una falsa comunicazione ai mercati.
L’accusa, sostenuta dal pm Marco Gianoglio, aveva chiesto sette anni e tre mesi per i due Ligresti e 2 milioni di euro di multa. La difesa aveva chiesto l’assoluzione per Ligresti senior per la mancanza del profitto relativo all’aggiotaggio. Gli avvocati Salvatore Scuto e Lucio Lucia hanno invece chiesto l’assoluzione di Jonella Ligresti, che assistono, perché “non ha mai detto il falso”. E se ci sono state irregolarità, hanno sostenuto, “si è trattato di errori e certamente non di dolo”.

Del resto il processo milanese a carico di Paolo Ligresti con le stesse imputazioni si era chiuso, nel dicembre 2015, con un’assoluzione da parte del Gup Andrea Ghinetti “perché il fatto non sussiste”. Contro la decisione nel settembre scorso è stato presentato un ricorso da parte della procura generale di Milano. Secondo il pg Carmen Manfredda, la decisione dello scorso dicembre del gup Andrea Ghinetti “non appare condivisibile e deve essere riformata, atteso che dagli elementi probatori acquisiti in fase di indagine emerge la responsabilità” di Ligresti jr. La terza figlia di Ligresti, Giulia, nell’ambito del filone torinese aveva già patteggiato due anni e otto mesi uscendo di scena.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brexit, “se Londra abbandona il mercato unico perderà 73 miliardi di euro di gettito fiscale e il 9,5% del pil”

prev
Articolo Successivo

Povertà, tecnici Senato: “Con il disegno di legge del governo agli indigenti andranno non più di 20 euro al mese”

next