Sono precipitati sul versante sud del Cervino mentre salivano la Via Deffeyes e si sono schiantati contro le rocce: così sono morti Ottavio Gérard, presidente delle guide alpine del Cervino e Joel Déanoz, maestro di sci. Erano partiti ieri sera per l’impegnativa ascensione ma alla sera non hanno fatto rientro ed è scattato l’allarme. Questa mattina il soccorso alpino valdostano ha effettuato un sorvolo con l’elicottero nella zona ed ha avvistato e recuperato i due corpi che sono stati trasportati ad Aosta.

A provocare la morte dei due, entrambi alpinisti espertissimi, è stata probabilmente una caduta di sassi. Lo ha riferito Lucio Trucco, responsabile del soccorso alpino della zona. L’incidente si è verificato a 3.900-4.000 metri. I corpi sono stati recuperati a 3.600 metri di quota, dopo una caduta di alcune centinaia di metri. “Le condizioni della montagna – ha aggiunto Trucco – sono ottimali. I due erano alpinisti molto preparati e molto ben allenati“. La Via Deffeyes è considerata una delle più impegnative del Cervino con 4-5 ripetizioni finora realizzate. Dell’accaduto si sta occupando la guardia di finanza di Cervinia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, morto dopo 56 ore al pronto soccorso. Il racconto del figlio Patrizio Cairoli: “Abbandonati tra urla e risate”

prev
Articolo Successivo

Buona scuola, studenti in piazza in tutta Italia. A Roma: “La generazione ribelle dice No”

next