“E’ tremendo quello che è successo alla turista australiana stuprata e derubata. Noi denunciamo da anni la pericolosità del Colle Oppio (Roma), lo stato del parco è in totale abbandono. Mia madre è stata molestata quest’estate, ma per fortuna è risuscitata a scappare. E’ una bomba ad orologeria, una polveriera, ma restiamo inascoltati”. Questa la denuncia di Valentina Salerno, abitante del rione romano e membro del comitato cittadino ‘Colosseo, Stop al degrado’. Basta farsi una passeggiata all’interno del parco per capire la gravità del problema sociale. “Di notte non ci passo mai, qui vivono tanti profughi. Ci sono vestiti stesi, sporcizia, degrado, accampamenti fortuiti. E’ pericoloso: c’è poca illuminazione, non stiamo tranquilli”, aggiungono delle passanti. Il parco è un luogo di spaccio. Si trovano siringhe dietro ogni angolo, tossicodipendenti si bucano davanti ai bambini portati a passeggio, anche in pieno giorno. Eroina, cocaina, fumo, circola di tutto. Qui vivono persone di ogni nazionalità. Le risse e le minacce sono quotidiane, soprattutto se si alza il gomito, come i furti e le aggressioni. Il caso registrato l’altro ieri notte non è il primo stupro consumato tra questi cancelli. “Succede di tutto qui, non dovremmo vivere così, io dovrei avere un tetto sulla testa, ho l’asilo politico, mi aspetta una vita terribile”, dice Alì, un ragazzo afghano. Sono stati spesi 400mila euro contro il degrado, previste la chiusura e apertura a tempo controllata dei cancelli del parco, ma nulla. Il problema Colle Oppio rimane. Il comitato, anzi, segnala anomalie: chiavi municipali in mano a parcheggiatori abusivi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Udine, truffa ai clienti: maxi sequestro a impiegata di banca con la passione per le borse griffate

prev
Articolo Successivo

Zerocalcare, niente viaggio negli Stati Uniti. “Visto negato perché sono stato in Iraq e Siria”

next