Alla presentazione del rapporto epidemiologico in cui si mette nero su bianco la correlazione fra emissioni inquinanti dell’Ilva di Taranto e livelli fuori norma di malattie e morti nei quartieri vicini alla fabbrica, il presidente della regione Puglia Michele Emiliano avverte il premier Matteo Renzi: “Questa comunicazione ha un effetto giuridico. Ognuno di noi ha l’obbligo giuridico di prevenire gli eventi che ritiene di dover prevenire. Non vorrei che i suoi consiglieri non glielo avessero spiegato”. Senza troppi giri di parole il governatore chiede al governo centrale di adottare fin da subito “provvedimenti per abbassare i livelli fuori scala di mortalità”. Intervenire, secondo Emiliano, significa chiudere l’impianto siderurgico, ma né lui, né la magistratura hanno il potere di farlo a causa dei “provvedimenti di legge” emanati dell’esecutivo. Ecco perché il presidente pugliese dichiara di voler “esaminare l’ipotesi di impugnare davanti alla Corte costituzionale” l’ultimo decreto salva-Ilva di Mary Tota

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilva, report della Regione Puglia: “Più 24 e 26 per cento di bambini malati in due quartieri vicini all’impianto”

next
Articolo Successivo

Ilva Taranto, nuove malattie per vecchi problemi. Che il governo continua a coprire con i decreti ad aziendam

next