Greenpeace continua la lotta contro IOI, l’azienda malese che produce olio di palma violando – secondo l’associazione ambientalista – i diritti umani e abbattendo le foreste indonesiane. La nave di Greenpeace Esperanza, ormeggiata sul retro della raffineria, ha cercato di impedire lo scarico di olio di palma. Martina Borghi, campagna foreste di Greenpeace Italia, lancia l’allarme: “Insieme possiamo far sapere ad IOI che non sarà più così facile. Ora gli occhi dell’opinione pubblica sono puntati su di loro: IOI deve sapere che non c’è mercato per l’olio di palma che mette in pericolo l’Indonesia, l’habitat di specie in via di estinzione, il clima del nostro Pianeta e la salute della gente del sud-est asiatico”.

Tra gli attivisti che hanno cercato di bloccare la nave ci sono anche due indonesiani, che hanno sofferto in prima persona gli effetti degli incendi appiccati per realizzare le piantagioni di palma. “Speravo che il governo e le aziende avrebbero risolto la crisi degli incendi, ma la loro incapacità di farlo mi ha fatto capire che ho la responsabilità di tutelare le foreste indonesiane” ha dichiarato Nilus Kami.

Alcuni dati aiutano a capire meglio la portata del fenomeno. Negli ultimi 15 anni l’area occupata dalle piantagioni di palma da olio in Indonesia è raddoppiata, passando da quattro a otto milioni di ettari. Si prevede che entro il 2020 crescerà di ulteriori cinque milioni di ettari. La nube soffocante prodotta dagli incendi ha anche causato lo scorso anno oltre centomila morti premature in tutto il Sud-est asiatico, come ha rivelato lo studio di settimana scorsa delle università statunitensi di Harvard e Columbia. L’olio di palma è un prodotto utilizzato in più della metà di alimenti da supermercato, come biscotti, merendine, shampoo e dentifrici. Greenpeace ha chiesto a IOI di firmare un impegno per assicurare una catena di approvvigionamento sostenibile dell’ olio di palma. Se IOI si impegnerà pubblicamente a proteggere le foreste, gli attivisti concluderanno l’azione dimostrativa assicura l’associazione.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siracusa, nave cargo con fosfato di ammonio affonda a largo. I Verdi: “Recuperare i fusti al più presto”

next
Articolo Successivo

Inquinamento, il 92% della popolazione mondiale respira aria sporca: in Italia 21mila morti

next