“Un anno fa avevo detto che la situazione nell’Unione europea lasciava a desiderare, non c’era abbastanza Europa e non c’era abbastanza unione nella Ue. A un anno di distanza questa constatazione in Europa resta. La Ue non è un gran forma. Sono cambiate tante cose. Possiamo parlare di crisi esistenziale“. Lo ha detto il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker alla plenaria di Strasburgo in apertura nel discorso sullo stato dell’Unione. La disoccupazione “è ancora troppo alta”, aggiunge Juncker, “l’Europa non è abbastanza sociale, questo lo dobbiamo cambiare” quindi “lavoreremo al pilastro dei diritti sociali”. E se anche la situazione dei debiti resta alta, essi si sono ridotti e questo “dimostra che il Patto di stabilità ha suo effetto, ma non deve diventare patto di flessibilità: deve diventare un patto applicato con flessibilità intelligente“.

Juncker spiega che l’anno prossimo sarà “cruciale”. “Propongo – aggiunge – un programma positivo per i prossimi 12 mesi, che saranno decisivi, se vogliamo superare le divisioni tra est e ovest che si sono aperte in questi ultimi mesi. Li dobbiamo superare se vogliamo dimostrare al mondo che l’Europa esiste”. Lo strumento, tra gli altri, sarà l’aumento della cifra a disposizione del piano di investimenti che lo scorso anno ha generato 150 miliardi. “Ma dobbiamo fare di più”, ha proseguito il presidente della Commissione europea e quindi “propongo di raddoppiare la durata e la capacità finanziaria” dell’Efsi, il Fondo europeo per gli investimenti strategici, affinché “fornisca almeno 500 miliardi di euro entro il 2020 e 532 miliardi fino al 2022″.

Poi il capitolo terrorismo. Entro novembre la Commissione proporrà un sistema europeo di informazione sui viaggi: “Ogni volta che uno entra in Ue sarà registrato, luogo, data e motivo dello spostamento”, in modo che “questo nuovo sistema automatico ci dirà chi è autorizzato a viaggiare in Ue, prima che arrivi in Ue”. “Un’Europa protettrice – continua il presidente della Commissione ricordando gli attacchi degli ultimi due anni – è un’Europa che si difende. E dobbiamo difenderci soprattutto contro il terrorismo, questa è la priorità assoluta”. Secondo Juncker “dobbiamo mostrare ai terroristi che non hanno alcuna possibilità di colpire i nostri valori. La nostra tolleranza non può andare a scapito della nostra sicurezza”.

Sulla politica estera un riconoscimento per l’alto rappresentante Federica Mogherini: “La nostra vicepresidente ed alto rappresentante per la politica estera, sta facendo un lavoro straordinario” e può diventare “la vera ministra degli esteri dell’Unione europea”, per questo “le chiedo di sviluppare una strategia europea per la Siria e deve avere un posto al tavolo sull’avvenire della Siria“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, povertà e aiuti all’Africa: le debolezze della strategia europea

next
Articolo Successivo

#StopTTIP e #StopCETA, da domani mailbombing e tweet storm su Renzi

next