Lanticipo pensionistico (Ape), misura che il governo inserirà nella prossima legge di Bilancio, potrà essere chiesto dal 2017 a partire dai 63 anni di età, 3 anni e 7 mesi prima di avere accesso al normale pensionamento di vecchiaia. Lo hanno riferito i sindacati dopo l’incontro con il governo al ministero del Lavoro, spiegando che è una “mediazione arrivata oggi”: finora si era parlato di un periodo di anticipo pari al massimo a 3 anni. Il periodo di sperimentazione del sistema dovrebbe essere di due anni. Per le categorie disagiate, per le quali l’anticipo stando a quanto annunciato dal sottosegretario Tommaso Nannicini sarà gratuito, l’importo della pensione sarà limitato a 1.200 euro netti.

Potranno uscire dal lavoro nel 2017 coloro che sono nati fino al 1954, una volta compiuti 63 anni. Chi ha un lavoro pagherà l’anticipo con rate di ammortamento sulla pensione mentre coloro che sono disoccupati e non hanno ammortizzatori sociali vi accederanno senza pagare nulla purché, appunto, l’assegno non sia superiore ai 1200 euro. Nannicini, intervistato da Presadiretta, ha spiegato che l’anticipo “è per tutti, indipendentemente dalla gestione previdenziale”, “quindi vale per gli autonomi, per le partite Iva della gestione separata, per artigiani e commercianti” e dipendenti pubblici.

Nell’incontro con Nannicini si è discusso anche di ricongiunzioni tra i periodi assicurativi in diverse gestioni che dall’anno prossimo non dovrebbero più essere onerose. Tra le altre misure sul tavolo c’è poi l’allargamento delle maglie per quanto riguarda le attività usuranti, tra cui potrebbero rientrare quelle dell’edilizia e il lavoro delle maestre d’asilo e degli infermieri. Per quanto riguarda gli interventi sulle pensioni più basse, è stata confermata l’intenzione di intervenire con una somma aggiuntiva, la cosiddetta quattordicesima, per coloro che hanno redditi personali complessivi fino a mille euro al mese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Barroso a Goldman Sachs, il contratto dell’ex presidente Ue con la banca d’affari sotto la lente di un comitato etico

prev
Articolo Successivo

Canone Rai, dal 15 settembre chi ha pagato e non doveva può chiedere rimborso all’Agenzia delle Entrate

next