Gli austriaci non conosceranno il nome del loro presidente della Repubblica fino al 4 dicembre. La sfida tra il verde Alexander Van der Bellen e l’ultranazionalista Norbert Hofer – il cui risultato della votazione di maggio era stato annullato per irregolarità dei voti per corrispondenza – non si terrà neanche a ottobre com’era stato deciso in un primo momento. Il motivo? Difetti alle buste proprio per il voto per corrispondenza: la colla della striscia autoadesiva non tiene, rendendo il voto nullo.

“Il rinvio – ha spiegato il ministro Wolfgang Sobotka – deve essere sancito dal Parlamento, perché l’attuale legge elettorale non prevede un rinvio per motivi tecnici, ma solo per il decesso di uno dei candidati”. La nuova data del voto è stata decisa dopo un incontro tra il ministro e i capigruppo di tutti i partiti. Fpö – partito di destra che esprime Hofer – insiste su una riforma del voto per corrispondenza. L’ulteriore rinvio rende però necessario un aggiornamento dell’elenco. “Nel frattempo – ha infatti spiegato il ministro – migliaia di persone sono decedute e migliaia hanno compiuto 16 anni e potrebbero ormai votare”. Inizialmente si era ipotizzato di anticipare la data al 27 novembre. “Il 27 novembre era troppo presto per garantire la soluzione dei problemi” ha però dichiarato Andreas Schieder, portavoce del gruppo parlamentare socialdemocratico.

Il voto del 22 maggio si era concluso con la vittoria, di poco, del verde Van der Bellen. I sondaggi, tuttavia, nelle ultime settimane sembrano ribaltare l’esito: l’ultranazionalista Hofer è dato in vantaggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Egitto, a processo 26 operai dei cantieri navali: a giudicarli la corte marziale

next
Articolo Successivo

11 settembre, l’eredità che quei signori ci hanno lasciato

next