Valerio Vassallo, l’animalista più famoso d’Italia, noto alle cronache come il ‘nazi-vegano‘ per le sue posizioni estreme in fatto di alimentazione, è stato arrestato a Biella. L’uomo, cofondatore e vicepresidente dell’associazione animalista Meta (Movimento etico tutela animali e ambiente) che nei prossimi giorni avrebbe dovuto incominciare una sua rubrica su Radio 105, è accusato di stalking nei confronti dell’ex fidanzata, una 23enne milanese, anche lei attivista animalista. L’arresto è avvenuto in seguito agli sviluppi delle indagini avviate lo scorso luglio dopo una aggressione in cui è stato coinvolto anche un amico della ragazza.

Sono numerosi gli episodi di cronaca che hanno visto protagonista Valerio Vassallo in questi ultimi anni, sempre nelle vesti di strenuo sostenitore dell’alimentazione vegana e a difesa di ogni forma di vita animale. Solo lo scorso luglio aveva interrotto una gara di pesca sul fiume Sesia. La sua azione gli era costata una presa di distanza pubblica da parte della sezione piemontese del movimento, che aveva dichiarato in un post facebook di non riconoscersi nei metodi eccessivamente violenti di Vassallo, chiedendone pubblicamente l’espulsione. 

Nei mesi passati aveva ingaggiato a più riprese un duello a distanza con il conduttore radiofonico Giuseppe Cruciani proprio sul tema dell’alimentazione vegana. Un’escalation di insulti e accuse che aveva portato addirittura Vassallo ad accusare il conduttore di pedofilia in diretta radiofonica: “Sei un pedofilo, maniaco sessuale e un Pacciani”. Affermazione che gli era valsa una querela.

La grande esposiozione mediatica aveva portato Vassallo a guadagnarsi uno spazio su Radio 105, è stato lui stesso ad annunciarlo con un post su Facebook lo scorso 8 settembre: “Grazie nemici miei, con il vostro aiuto domani sarò nuovamente su radio 105 alle 13.15 ma non basta… tutti i venerdì a partire dal prossimo… appuntamento fisso alle 20.15. Cotinuate ad odiarmi e presto mi troverete anche a dormire nel vostro letto. Grazie 105, grazie Meta”, il tutto accompagnato da una video dichiarazione: 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, due uomini colpiti da un fulmine mentre si trovano al parco: sono gravi

next
Articolo Successivo

Il nazi-vegano Vassallo: “Grazie a chi mi odia farò sarò tutti i venerdì su Radio105”. Ma lo arrestano

next