Masturbarsi in pubblico non è più un reato. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, che era stata chiamata a pronunciarsi sul caso di Pietro L., condannato dalla Corte d’Appello di Catania il 14 maggio 2015 a tre mesi di reclusione. L’uomo era stato rinviato a giudizio perché, “dopo aver estratto il proprio membro”, era stato visto praticare “l’autoerotismo” davanti alle studentesse che frequentavano la cittadella universitaria nei pressi della quale lui si posizionava.

I giudici della Suprema corte hanno eliminato gli effetti penali della condanna per atti osceni in luogo pubblico: all’uomo verrà inflitta pertanto una contravvenzione che potrà variare tra i 5mila e i 30mila euro. A determinare l’ammontare esatto dell’ammenda sarà il Prefetto di Catania.

La decisione della Cassazione ha tenuto conto della depenalizzazione del reato attuato dalla decreto legislativo n.8 del 2015, nei confronti di chi si apposta nei luoghi frequentati da ragazze per masturbarsi davanti ai loro occhi. Preso atto di questa riforma, i giudici hanno dunque stabilito di annullare senza rinvio la condanna inflitta all’uomo in secondo grado “perché il fatto non è previsto dalla legge come reato” .

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, si riaccende lo scontro sulle nomine. Minenna scrisse a Raggi: “Illegittima quella del capo segreteria”

prev
Articolo Successivo

Tap, procura di Lecce chiede archiviazione delle inchieste sul metanodotto: comune di Melendugno si oppone

next