Le purghe di Erdogan non colpiscono solo la polizia, l’esercito, i giornalisti, i magistrati, i professori o i lavoratori statali, ma anche il teatro. D’ora in poi in Turchia alle compagnie teatrali sarà vietato portare sul palco le opere di autori occidentali. La decisione è stata presa dalla Devlet Tiyatroları, la Direzione ufficiale delle imprese nazionali di teatro in Turchia, che domenica 28 agosto ha rimosso dal calendario tutte le rappresentazioni di autori non nazionali. Tra cui quelle di Dario Fo, William Shakespeare, Bertolt Brecht e Anton Čechov.

A darne notizia per primo è stato il quotidiano il Foglio, ma la conferma è arrivata direttamente anche dal figlio del premio Nobel italiano, Jacopo Fo sentito da ilfattoquotidiano.it. Ufficialmente dietro la decisione della Devlet Tiyatroları c’è la volontà di salvaguardare e promuovere le opere teatrali turche. “Come amanti della patria, apriremo le nostre sale solo con opere locali al fine di contribuire all’integrità e all’unità della patria e per rafforzare i sentimenti nazionali”, ha detto Nejat Birecik, vice presidente della Dt ripreso da Clarion Project e dal Secolo d’Italia. Ma ad essere entrati nel mirino delle autorità non sono solo gli autori occidentali, ma anche registi e attori turchi considerati poco in linea con le posizioni di Erdogan.

Il clima si è appesantito ulteriormente dopo il mancato golpe di luglio. Tanto che lo scorso 4 agosto oltre venti associazioni di professionisti della cultura hanno firmato una nota congiunta dove denunciavano un clima da “caccia alle streghe“. Il giro di vite – racconta il Secolo d’Italia – è cominciato nei teatri di cintura di Istanbul, dove sono stati cacciati un regista, sei attori e un impiegato, accusati di appartenere alla rete golpista dell’imam Fethullah Gulen, e altri 20 attori sono stati licenziati per “scarse prestazioni”. La stagione teatrale verrà inaugurata il prossimo 4 ottobre, con la messa in scena di otto pieces in 65 teatri di tutta la Turchia. Di sicuro i turchi non potranno assistere all’Amleto.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Turchia, nuova ondata di purghe: cacciati 50mila lavoratori pubblici. Liberati 33mila detenuti per far posto agli arrestati

prev
Articolo Successivo

Egitto, stretta su costruzione delle chiese. Cristiani si dividono: “Passo avanti”. “No, copti trattati ancora come minoranza”

next