Il negoziato sul Ttip è “di fatto” fallito. Parola di Sigmar Gabriel, vice cancelliere e ministro dell’Economia tedesco. Pietra tombale, dunque, sull’accordo di libero scambio tra gli Stati Uniti e l’Unione europea accusato da diversi osservatori di essere poco trasparente e di sfavorire le aziende del Vecchio continente a favore dei gruppi americani. “Ritengo che i negoziati con gli Stati Uniti siano de facto falliti, anche se nessuno lo vuole ammettere veramente”, ha detto Gabriel, esponente del Spd, sottolineando che in 14 colloqui le parti non hanno trovato un’intesa su un solo capitolo dei 27 sul tavolo. In un’intervista con l’emittente pubblica Zdf ha poi aggiunto che “i negoziati con gli Stati Uniti non sono riusciti, perché gli europei non possono capitolare alle richieste americane”: “Nulla si muove sulla questione”.

Lo scorso luglio anche il ministro dello Sviluppo economico italiano Carlo Calenda aveva avanzato dubbi sulla possibilità di un buon esito per il negoziato che va avanti da tre anni: “Sul Ttip non ho detto che è finito perché siamo andati lunghi. Io credo che sarà così, cioè che lo spazio politico in Europa e negli Stati Uniti per approvarlo sia ridotto a zero“.

Al netto dagli effetti sull’economia e la democrazia europea, nefasti o positivi a seconda dei punti di vista, il commercio e gli investimenti con il partenariato transatlantico (Ttip) creerebbero la più grande zona di libero scambio al mondo coinvolgendo circa 800 milioni di persone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Referendum costituzionale, Marchionne: “Sono per il si. Mercati? Senza morale, limite tra profitto e avidità”

next
Articolo Successivo

Terremoto Centro Italia, il viceministro Nencini: “Nuovo codice appalti velocizza lavori”. Ma mancano decreti attuativi

next